0692949024
 Non si effettuano interventi su elettrodomestici in garanzia.

Come togliere il silicone

Come togliere il silicone

Una guida molto semplice per rimuovere questo sigillate da ogni superficie

Quante volte vi sarà capitato di utilizzare a casa il silicone come sigillante?

Questa sostanza si usa infatti nelle docce, nelle finestre, per le verande e le mattonelle, ma anche per i sanitari; ad esempio spesso capita che nelle pareti piastrellate (come quelle della cucina o del bagno), tra una piastrella e l’altra si accumuli polvere e sporco e quindi la fessura tende a scurirsi creando un effetto davvero antiestetico.

Il silicone serve proprio a sigillare queste fessure evitando anche delle perdite d’acqua; ma cosa succede nel momento in cui è necessario togliere il silicone?

Se ad esempio volete sostituire il box doccia o semplicemente rimuovere il sigillante da qualsiasi altra superficie perché degradato e annerito e non sapete come fare, allora questo articolo fa proprio al caso vostro.

Andiamo a vedere di che cosa avete bisogno per togliere il silicone:

  • Raschietto (coltello o taglierino)
  • Asciugacapelli
  • Alcool denaturato
  • Solvente per mastice
  • Detersivo

Silicone morbido

Se il silicone è ancora morbido e quindi anche elastico sarà molto facile, perché vi basterà utilizzare un qualsiasi strumento affilato come un raschietto, un coltello o un taglierino; per primo provate a utilizzare il raschietto perché meno pericoloso e più facile da usare: posizionate la lama sulla base del sigillante, dove questo incontra la superficie che intendete pulire; tenete il raschietto fermo e cercate di fare...

il tuo elettrodomestico ha bisogno di cure?
chiama subito lo

0692949024

...una pressione ferma ma non eccessiva per evitare graffi; se non riuscite allora provate con il coltello o il taglierino prestando molta attenzione per evitare di tagliavi.

Silicone secco

Togliere il silicone secco è un’operazione sicuramente più difficile e faticosa; per non rischiare di graffiare la superficie e rendere il lavoro più semplice è possibile avvalersi del calore: potete utilizzare una pistola ad aria calda ma anche semplicemente un asciugacapelli; accendetelo al massimo della sua potenza e avvicinatelo più possibile al silicone per ammorbidirlo; poi andate a verificare con un raschietto se la sostanza viene via.

Avete tolto la maggior parte del silicone ma sono rimasti dei residui?

A questo punto procuratevi dell’alcool denaturato e con un panno andate a strofinarlo sulla superficie da pulire; il silicone dovrebbe ammorbidirsi al punto da poterlo togliere del tutto con uno strumento affilato.

Se questo metodo non sortisce gli effetti desiderati provate a utilizzate al posto dell’alcool un solvente chimico per mastice e silicone, che potete trovare con facilità in commercio; andate ad applicarlo sui residui da togliere e poi strofinate con energia utilizzando una spugna dal suo lato ruvido.

Ora che siete riusciti a togliere il silicone dovete però completare la pulizia della superficie che avete trattato semplicemente con il comune detersivo che utilizzate per la casa, diluendolo con acqua; risciacquate abbondantemente ed il gioco è fatto.